-

n. 34 Valeria Cocozza

Trivento e gli Austrias. Carriere episcopali, spazi sacri e territorio in una diocesi di regio patronato

Associazione no profit “Mediterranea Palermo 2017 ISBN 978-88-99487-69-0 ISSN 1828-1818 ISBN-online 978-88-99487-70-6

Una consolidata tradizione di studi, italiana e spagnola, ha da tempo promosso indagini sulle dinamiche, politiche e religiose, che furono alla base delle nomine episcopali di regio patronato e ha rintracciato i caratteri prevalenti dei profili politici e delle carriere transnazionali degli ecclesiastici candidati ed eletti dalla Corona spagnola al governo delle numerose diocesi di nomina regia nel Vecchio e nel Nuovo Mondo. Una messe di studi che, apparentemente, potrebbe far sembrare saturo ogni possibile e ulteriore appiglio di ricerca sull’argomento o comunque sulla scelta di indagare una specifica realtà diocesana di regio patronato. Eppure diversi altri, ci sembra, possano essere gli aspetti e gli elementi di valutazione che proprio dal continuo studio della rete di regio patronato e dal confronto più ampio con altri filoni di ricerca possono emergere. Indagini, queste ultime, che rendono necessaria una lente d’ingrandimento che volga lo sguardo alla periferia del Regno di Napoli per porre l’attenzione sul singolo caso-studio: la diocesi di Trivento. Questo spazio del Contado di Molise, posto al crocevia tra la via degli Abruzzi e i principali tracciati tratturali, in un’area prossima al confine tra il Regno di Napoli e lo Stato Pontificio, rappresentava uno snodo strategico per il controllo delle vie di comunicazione verso i centri di approvvigionamento del Regno. In tal senso, lo spazio diocesano di regio patronato ha riservato un angolo visuale privilegiato per ricostruire, da un lato, le dinamiche socio-politiche tra centro e periferia nella molteplicità dei piani in cui questo binomio può essere declinato e, dall’altro lato, per studiare i diversi e complessi intrecci tra famiglie, istituzioni ecclesiastiche e spazi sacri. (Dall’introduzione di Valeria Cocozza)